Face ID di iPhone X si fa ingannare da una maschera

http://tuttosmart.eu/face-id-di-iphone-x-si-fa-ingannare-da-una-maschera/

Una delle principali novità di Apple iPhone X è il Face ID, il sistema di sblocco biometrico effettuato attraverso una mappatura 3D del volto; soppianta il tradizionale Touch ID, più banalmente la scansione delle impronte digitali.
Apple durante la presentazione ha dichiarato che la probabilità di uno sblocco erroneo effettuato da un estraneo sono di una su un milione con Face ID, contro l’una su 50.000 con Touch ID.

Apple, durante la presentazione, ha anche detto di aver lavorato con make-up artist e specialisti di maschere di Hollywood per assicurarsi la massima affidabilità nel caso di uso di tecniche che, per quanto sembrino un po’ “da film” per noi normali utenti, non vanno sottovalutate quando si pensa a politici, dirigenti di grandi imprese, celebrità e altre persone d’interesse. Nella propria recensione del terminale, il Wall Street Journal ha usato una maschera di silicone per tentare di aggirare il sistema, senza riuscirci.

Tuttavia Bkav, una delle più grosse società di sicurezza vietnamite, ha pubblicato un video in cui dimostra di essere riuscita a costruire una maschera che batte gli algoritmi di Apple. Realizzarla costa relativamente poco: circa 150 dollari. Vengono combinate diverse tecniche: stampa 3D per la struttura generale, immagini 2D per gli occhi e silicone per il naso. Nelle zone in cui c’è una porzione di pelle uniforme relativamente ampia, come la fronte e le guance, si fa riferimento a una “tecnica di elaborazione speciale” non meglio specificata, ed è l’unico punto da chiarire.

Nel video si può vedere come il dispositivo riconosca “la faccia” e sblocchi il dispositivo senza nessun problema, però è pure vero che è stato fatto un solo tentativo, quindi ciò non significa nulla, in quanto potrebbe essere quella possibilità sul milione, o uno stratagemma già preparato. Insomma, a voi il giudizio/opinion :

 
Da TuttoSmart

MR

Seguici sui nostri canali ufficiali :

FacebookTwitterInstagramYouTubeGoogle +

Rispondi