Xiaomi Mi Band 1S : La recensione di TuttoSmart

http://tuttosmart.eu/xiaomi-mi-band-1s-la-recensione-di-tuttosmart/

Xiaomi Mi Band 1S - La Recensione

Oggi sotto la nostra lente e tra le nostre mani abbiamo un prodotto che ci ha fatto sudare sette camicie, soprattutto per l’autonomia, la quale ha portato ad una recensione nettamente più tardiva rispetto ai nostri tempi.

Come avete potuto intuire dal titolo parliamo della Xiaomi Mi Band 1S, terza versione del famoso “braccialetto” della casa Cinese che ha “stravolto” il mondo dei fitness tracker con vendite che hanno superato i 10 milioni. Quindi scopriamo insieme i punti di forza di questo prodotto ed i contro.

Ci troviamo di fronte la versione 1S, terza dopo la “1” e 1A” la quale porta la novità più grande tra i tre modelli : il sensore di battito cardiaco; ma procediamo con ordine :

Design :

Non mi dilungherò, è quasi praticamente identica alla versione precedente, solo con il sensore di rilevamento del battito cardiaco posto nella parte inferiore, dimensioni maggiori ed anche una differenza del braccialetto dove essa è contenuta.

Infatti, partendo dalla fine il braccialetto mi sembra esser fatto di un materiale migliore e diverso, sembra esser quasi idrorepellente.

Le dimensioni del prodotto sono : 37 x 13.6 x 9.9 mm, per il sensore, e di 225mm per il bracciale.

Il prodotto è ben fatto, ed è un piacere indossarlo, infatti lo noterete solo il primo giorno e poi vi dimenticherete di averlo al polso : leggero e comodo.

Vediamo le caratteristiche complete del prodotto :

  • Batteria da 45mAh
  • LED Bianchi
  • Impermeabilità IP67
  • Sensore frequenza cardiaca –  Metodo di misurazione fotoelettrico a polso
  • Bluetooth 4.0
  • Sensore gravitazionale di derivazione Militare ADI

 

Come si comporta :

Non mi dilungherò, in quanto non si differenzia dalla Xiaomi Mi Band classica, ma si può vedere come una normale evoluzione di essa, quindi dopo un piccolo focus generale su cosa è in grado di fare, passeremo al focus sulla 1S, poi a breve avrete un bel confronto tra i due fitness tracker.

Quindi riassumiamo cosa è in grado di fare la Xiaomi MI Band 1S :

  • Monitorare il sonno : promossa a pieni voti; il riconoscimento è automatico, quindi non dobbiamo perder tempo o preoccuparci di attivare la modalità notte. Inoltre con la presenza del sensore per il rilevamento dei battiti cardiaci è possibile attivare la possibilità di monitoraggio ad intervalli regolari del battito cardiaco per monitorare meglio il sonno.
  • Monitorare i passi : riesce ad essere sempre precisa ed affidabile
  • Monitorare la corsa : affidabile nel riconoscimento tra “camminata” e “corsa”, in alcuni casi riconosce e differenzia “corsa” e corsa leggera”; cosa che ho apprezzato, riconosce la corsa, o in generale attività fisica dalla bici o addirittura macchina e bus, tallone di Achille per alcune fitness tracker.
  • Monitorare calorie bruciate : valore indicativo grazie ad algoritmo e peso, sesso ed altezza inserito dall’utente.
  • Notificare chiamare, messaggi ed applicazioni : Notifica chiamate e sms attraverso la vibrazione ed alche illuminazione dei led; possibilità di notificare anche applicazioni, ma in questo caso massimo 3.
  • Sveglia: comoda ed apprezzatissima, almeno da me; esser svegliati con una vibrazione e non da rumori fastidioso è la cosa più bella del mondo. Funziona sempre e non bisogna avere lo smartphone collegato al dispositivo.
  • Notifica attività: al mattino, o la sera, ci verrà notificato la nostra attività giornaliera oppure come abbiamo dormito la notte precedente
  • Tracciatura percorso: usando il gps del dispositivo collegato è in grado di registrare ancora più accuratamente una sessione di attività sportiva come la corsa
  • Rilevamento battiti cardiaci: risulta essere accurato e rapido nella rilevazione

Questa una rapida e approfondita panoramica su cosa può fare la Xiaomi Mi Band 1S, ma ora andiamo più nel dettaglio con aspetti quali autonomia, prestazioni, compatibilità e soprattutto prezzo prima di giungere alle conclusioni.

Per quanto riguarda l’autonomia, anche se le dimensioni sono contenute e risulta essere molto leggera, essa è da primato.

In fatti con tre quattro rilevazioni giornaliere, Bluetooth collegato qualche ora, una sincronizzazione al giorno e rilevamento dei battiti durante il sonno, è arrivata ai 30 giorni tranquillamente; ovviamente con meno o più rilevamento dei battiti cardiaci l’autonomia varierà di conseguenza.

Consigli su batteria ed autonomia:

  • Ricaricare il dispositivo solo al PC per non rovinare e degradare la batteria del dispositivo.
  • Se non necessario non lasciate la Mi Band 1S collegata al vostro smartphone; così aumenterete la batteria del vostro smartphone ed anche della Mi band 1S

Per quanto riguarda le prestazioni, la Mi Band 1S risulta essere sempre precisa, sia nel rilevamento delle attività fitness sia riguardardanti ai battiti cardiaci. Risulta essere una normale evoluzione di quella che è stata la Mi Band “1” ma con la perdita del LED colorati, infatti ora sono solo bianchi.

Per funzionare, per chi non lo sapesse, non è necessario avere collegato la Mi Band sempre al dispositivo, a meno che non vogliate le notifiche sul bracciale. Di media i dati vengono memorizzati in memoria per due tre giorni, almeno nel mio caso, non sono mai andato oltre i tre giorni.

Per quanto riguarda la grande novità , quindi parliamo del sensore di battito cardiaco, esso attualmente è poco implementato, infatti può essere usato o manualmente , quindi tramite applicazione, per sapere i nostri battiti in un determinato momento, i risultati vengono memorizzati nell’applicazione, o nella modalità running, dove viene monitorato continuamente il battito cardiaco, ma attualmente l’applicazione va in crash e non salva i dati, sicuramente Xiaomi risolverà questo bug; Nutro notevoli speranze, conoscendo Xiaomi, che implementerà nuove possibilità di monitor del battito cardiaco, in particolare mi riferisco ad un monitorare il battito cardiaco durante la giornata ad intervalli prefissati in modo autonomo, per poi ovviamente conservare i dati.

Passiamo, prima di arrivare al prezzo e relative conclusioni, ad un discorso importante : l’applicazione Xiaomi Mi Fit, imprescindibile per il funzionamento del braccialetto.

Esistono attualmente due versioni di questa applicazione, la prima, disponibile sul Play Store, la seconda “Cinese” proveniente direttamente dallo store di Xiaomi. Vediamo le differenze.

Xiaomi Mi Fit (PlayStore) : disponibile sul PlayStore ha alcuni vantaggi, come la sincronizzazione con Google Fit, ma alcuni contro, come l’assenza della modalità “running” , assenza compatibilità bilancia “Mi scale” e “Scarpe intelligenti Xiaomi”, ed una versione sia dell’applicazione che di firmware più “arretrata” rispetto a quella proveniente dal Mi Store. Inoltre mi sento di segnalare una minor rapidità ed accuratezza durante il rilevamento dei battiti cardiaci rispetto all’applicazione proveniente dal Mi Store.

Xiaomi Mi Fit (Mi Store) : Si deve scaricare sul dispositivo e installare autonomamente( se siete interessati trovate l’apk sul nostro sito web, nella sezione download). I vantaggi di questa applicazione sono molteplici : supporto “mi scale” e “scarpe Xiaomi”, presenza modalità “running”, maggior accuratezza e velocità nel rilevamento dei battiti cardiaci, ultima versione sempre disponibile , sia software che firmware; unico contro, l’assenza di sincronizzazione con Google Fit.

Prezzo :

La Xiaomi Mi Band è stata presentata ad un prezzo irrisorio in Cina, mentre qui in Italia per comprarla ci possiamo affidare ad importatori, come GearBest, che vende la Xiaomi Mi Band 1S ad una cifra di circa 18€ , oppure affidarci a store noti come Amazon, la quale la vende ad un prezzo di circa 25€. ( I prezzi sono relativi al giorno in cui è stato scritto l’articolo).

 

Conclusioni :

La Xiaomi Mi Band 1S è la normale evoluzione del primo modello, infatti qui troviamo un miglioramento dell’accuratezza del rilevamento dell’attività fisica ed anche del sonno, con il rilevamento dei battiti cardiaci come un qualcosa in più ma attualmente, nel momento in cui sto scrivendo questa recensione, non implementato alla perfezione. La Xiaomi MI Band 1S risulta essere un ottimo acquisto, non si trova un altro fitness tracker o smartband in grado di offrire quel che offre la Mi Band e soprattutto a questo prezzo.

Quindi se siete alla ricerca di una smartband non posso far altro che consigliarvela, ma, mi sento di inserire un ma nelle conclusioni, se possedete una Mi Band 1 non consiglio ancora il passaggio alla 1S, in quanto il sensore di battiti cardiaci ancora poco implementato non presenta questo grande passo in avanti, almeno per ora.

Da TuttoSmart

MR

 

Seguici sui nostri canali ufficiali :

FacebookTwitterInstagramYouTubeGoogle +

Rispondi